Cargo 2: Northway Fish




Cargo colpisce ancora! A Lucca Comics 2014 presenteremo una nuova raccolta di racconti a fumetti. La novità è che al nostro solito tema del viaggio si unisce quello del cibo! Siete già più curiosi, eh?
Per stimolare ulteriormente la vostra curiosità (leggi: salivazione) insieme all'anteprima di ogni storia abbiamo deciso di pubblicare la ricetta del piatto in essa raffigurato.
Oggi tocca alla storia di Lucio Ruvidotti, realizzata in collaborazione con Gabriella Ballin e Gianni Barlassina. Si racconta degli squat londinesi e dei loro abitanti e di quando, anche in occasione di un breve viaggio, diventano Casa. Cosa c'entra in tutto questo il pesce fritto e il baccalà? Lo scoprirete solo su Cargo 2, quindi non dimenticate di venirci a cercare alla Self Area di Lucca Comics 2014!!!


Uno monotipi di Gabriella Ballin che accompagnano la storia a fumetti insieme ai testi in prosa di Gianni Barlassina.

Fritto misto di Northway rd
(dosi per 5 umani, di cui una apparentemente vegetariana, e un gatto)

Ingredienti:
2 kg di bianchetti
2 kg di patate novelle
3 carote
3 zucchine
3 patate dolci
½ zucca
1 l olio di semi di girasole
1 h di farina 0
2 pezzetti di scorza di limone
pepe q.b.
sale q.b.
paprika q.b.

NOTA: questo piatto è fatto per essere preparato in itinere, nel senso che si frigge per ore mentre si mangia.

Sbucciare e tagliare a listarelle la zucca. Tagliare a listarelle irregolari tutte le altre verdure senza sbucciarle (non solo la buccia contiene molte vitamine, ma è anche molto noioso eliminarla e inutile, visto che la frittura avviene almeno a 180 °C).
Infarinare i bianchetti, le carote, le zucchine e la zucca.
In due tegami versare ½ litro d'olio in ciascuno. Scaldare l'olio sul fuoco e dopo alcuni minuti testare il calore dell'olio con una scorza di limone: se adagiata nell'olio “frigge” l'olio è abbastanza caldo.
Usare un tegame per le verdure non infarinate (le patate) e l'altro per il pesce e le verdure infarinate.
Friggere un po' alla volta tutto il pesce e le verdure. Man mano che le pietanze risultano dorate scolarle dell'olio in uno scolapasta metallico e successivamente asciugarle in una terrina ricoperta di carta assorbente. Condirle con sale, pepe e paprika a piacere.
Servire con birra inglese o sidro di mele.



Post popolari in questo blog